Cosa fare a Luglio nell’orto

tomato-699731_1280Questo è il mese in cui si possono seminare all’aperto le bietole da coste, la barbabietola, le carote, il cavolo cappuccio, la cicoria, il radicchio, i finocchi, l’invidia , la lattuga, il porro e la rapa. Facciamo lo stesso con fagioli e fagiolini, prezzemolo, ravanelli e zucchine. Piantiamo all’aperto i tuberi  germogliati di patata e finocchio precoce.

E’ in questo mese che dobbiamo cimare l’anguria, i cetrioli, i meloni e i pomodori.

Finalmente possiamo raccogliere l’anguria, la barbabietola, il basilico, la bietola da coste, il cardo, le carote, il cavolfiore, i broccoli, la verza, il cavolo rapa, i cetrioli e le cipolle. Sono pronte alla raccolta anche fagioli e fagiolini, melanzane, lattughe, meloni, patate, peperoni, porri, prezzemolo, radicchio e le erbe aromatiche per farle essiccare.

Quale frutta e verdura di stagione acquistare (Luglio)

melon-into-pieces-668284_1280A Luglio possiamo finalmente sbizzarrirci con l’acquisto dei pomodori, delle melanzane e delle zucchine. E’ il mese giusto per mettere nel carrello la lattuga, i cetrioli, i fagioli, la rucola, i fagiolini, la cicoria, la rucola, i ravanelli, il rabarbaro, le patatine novelle, le fave, le barbabietole, il basilico, le carote, il sedano e i piselli.

Per quando riguarda la frutta invece possiamo finalmente acquistare dei succosissimi meloni da mangiare come antipasto o come frutta. Possiamo fare il pieno di prugne e susine, di  pesche, angurie, albicocche, fragole, kiwi, pere, ciliegie e nespole,

Come fare la ricotta in casa

cream-cheese-181528_1280Ricotta significa cotta due volte. Non è propriamente un formaggio ma un latticino, in quanto si produce dal siero del latte, chi è privo di caseina.
Procedimento: riscaldare il siero del latte a 90 gradi centigradi. Raggiunta questa temperatura spegnere la fiamma o tenirla regolata sul minimo. Il siero non deve bollire mentre salgono in superficie dei piccoli fiocchi bianchi. Togliere continuamente il  coagulo utilizzando un colino e metterlo in apposite formelle di plastica fatte a cestello e leggermente coniche. La lavorazione è terminata quando non salgono più in superficie le particelle solide. Conservarla in frigo per pochi giorni.

Fare il pane in casa: gli strumenti indispensabili

bread-608920_1280Se come me avete deciso di lanciarvi nel fare il pane in casa dovete innanzitutto procurarvi i seguenti strumenti di base.

TEGLIE E PIASTRE: devono essere preferibilmente di materiale pesante in modo che il calore non tenda ad andare verso l’alto. Mia nonna diceva sempre che il pane viene bene sulle teglie in ghisa. Se pensiamo di prepararlo spesso potrebbe essere un ottimo investimento.

STAMPI DA PANE: li trovate in vendita nei negozi di casalinghi ma anche online. Ricordatevi di ungerli sempre con burro o olio in modo che il pane non si attacchi e aiuti a far formare una deliziosa crosticina dorata alle nostre pagnotte.

CARTA DA FORNO: meglio utilizzare quella pergamena o quella classica siliconata. Con la carta da forno oleata invece si rischia che il pane si attacchi.

IMPASTATRICE: diciamoci la verità. Impastare a mano è molto faticoso e non tutte hanno abbastanza energia per farlo. Ideale è utilizzare una macchina impastatrice, che farà il lavoro duro al posto nostro.

FORNO: che sia un forno a gas o elettrico non importa. La cosa importante è conoscere il nostro forno e assicurarsi che sia sempre ben pulito e funzionante.

Ed ora non resta che mettersi all’opera!

Surgelare i vegetali

spinach-163955_1280Quante volte vi è capitato di comprare magari al mercato cassette intere di ortaggi attirati da offerte e poi ritrovarvi dopo qualche giorno a doverne buttare la maggior parte? A me è capitato diverse volte finchè non ho deciso di eliminare lo spreco dalla mia vita.

L’idea di congelare la frutta e la verdura fresca può sembrare agli occhi di molti di voi una follia ma in realtà, se lo si fa correttamente, quasi tutte le verdure, funghi, frutta ed erbe aromatiche possono essere conservate nel congelatore al naturale oppure dopo averle cotte. La frutta ad esempio può essere congelata e utilizzata come frutta sciroppata o sottospirito, per la preparazione di torte, creme e macedonie, oppure come guarnizione.

Prima di procedere con la surgelazione dei vegetali è bene rispettare alcune regole per evitare che ci siano problemi durante il processo di congelamento. E’ fondamentale utilizzare vegetali freschissimi, solo dopo averli lavati, sbucciati e dopo aver tolto tutte le parti di scarto.

Scottare in acqua bollente per qualche minuto i vegetali  e poi immergerli immediatamente in acqua fredda in modo da interrompere la cottura. Scolarli bene e riporli in sacchetti o scatole ermetiche idonee per la conservazione degli alimenti.

Procedere poi alla surgelazione evitando di sovrapporre i sacchetti. In questo modo eviteremo che la verdura o la frutta si schiacci.

Ricordate che si possono surgelare tutti i tipi di verdure ma che c’è della frutta che non può essere congelata come l’anguria, l’uva bianca e gli agrumi (a meno  che non siano sotto forma di spremuta).

Quale frutta e verdura di stagione acquistare (Giugno)

cherry-212601_1280Questo è il momento giusto per riempire i nostri frigoriferi e le nostre tavole con zucchine, melanzane, fagiolini, asparagi, cicoria, rucola, lattuga, ravanelli, rabarbaro, patate novelle, fave, barbabietole, carote, sedano e piselli. Per quanto riguarda invece la frutta di stagione che possiamo portare a casa a buon prezzo vi sono le pesche, le albicocche, i kiwi, le pere, le ciliege e le nespole.

Vita: perdere peso!

Ce l’avevo fatta! In circa un anno avevo perso finalmente quegli odiosi chili di troppo che mi portavo dietro ormai da troppi anni, dopo che a seguito di un intervento sono stata costretta ad un anno di inattività e scoraggiamento generale che mi portava ad abbuffarmi continuamente.
Da 75 kg per 1,64 di altezza sono passata a 59 kg. Non vi nascondo la fatica, perché io adoro mangiare. Ma ero molto soddisfatta ed orgogliosa del mio risultato.
Purtroppo in questo ultimo mese ho abbassato un po’ la guardia, ho mangiato molto peggio. Troppi carboidrati e schifezze confezionate, troppa poca verdura e le conseguenze si vedono subito sulla bilancia!Sono tornata a pesare ben 63kg! Niente di irreparabile ma bisogna subito mettersi all’opera!
Le mie parole d’ordine sono metodo e buona volontà, nella dieta così come nell’organizzazione della mia vita.

Urge ritrovare al più presto la retta via alimentare!