Come apparecchiare la tavola per una cena informale


Quante volte vi siete trovati nella spiacevole situazione di non sapere come apparecchiare la tavola quando avete ospiti? Oggi in pausa pranzo ho realizzato questo schizzo per avere sempre a portata di mano un bigino che mi aiuti quando organizziamo cene con amici e parenti stretti! Spero possa esservi utile!

Annunci

Le strategie anti-stiro

nostalgia-635619_1280Stirare è fra le mansioni domestiche che ci portano via più tempo. Ci sono però degli stratagemmi per ridurre la quantità di capi da stirare.
La scelta del lavaggio è importantissima: scegliamo un lavaggio breve, a basse temperature per non rovinare e stropicciate le fibre e con una centrifuga a bassa velocità.
Cerchiamo di mettere poco detersivo ed utilizziamo l’aceto al posto dell’ammorbidente. Ultimo accorgimento è quello di non riempire troppo la lavatrice e di chiudere bottoni e cerniere dei nostri capi.
La fase di asciugatura è comunque la più importante. Stendere i panni subito dopo la fine del lavaggio, non lasciandoli nella cesta del bucato per ore per evitare che si stropiccino di più. Prima di stendere un abito sbattiamo energicamente  2-3 volte ed utilizziamo gli ometti per stendere camicie, maglie e t-shirt. Apprendiamo invece i pantaloni dalla vita utilizzando 4 mollette prestando attenzione che gli orli siano ben tirati.
Per quanto riguarda tovaglia e lenzuola pieghiamole prima di stenderle dopo averle tirate bene facendoci aiutare da qualcuno.
Non appena i vestiti saranno asciutti raccogliamoli e pieghiamoli subito. Evitiamo di accatastarli in un angolo per piegarli più tardi. Mentre ci dedichiamo alla piegatura degli abiti “stiriamoli” bene con le mani.
Infine investiamo qualche euro in un ottimo ferro da stiro che ci aiuterà a sopportare di più questo compito.

Come organizzare il frigorifero!

refrigerator-70580_1280Un frigorifero in ordine ci permette di risparmiare tempo avendo tutto a portata di mano ma soprattutto denaro, avendo il pieno controllo delle scadenze del cibo.
Innanzitutto impariamo a riporre i cibi nel frigorifero, privi di inutili imballaggi, al posto giusto.
Verdura e frutta devono stare nei cassetti in basso dopo averli lavati bene e asciugati. Invece formaggi, carne e salse vanno nei ripiani alti. I salumi in tranci vanno avvolti in stoffa pulita.
Nei ripiani centrali, quelli ad altezza dello sguardo, riponiamo  invece i prodotti che dobbiamo consumare per primi perché prossimi alla scadenza.
Per tenerlo sempre in ordine possiamo utilizzare delle scatole in plastica con coperchio impilabili. Cerchiamo poi di tenerlo sempre pulito utilizzando uno spray che possiamo realizzare noi stessi sciogliendo del bicarbonato in acqua. Anche il deodorante per il frigo può essere realizzato da noi. Basta inserire nel frigo una tazza con dell’aceto di vino.
Per risparmiare energia e mantenere in ottimo stato il vostro frigo evitiamo di riflettere su cosa mangiare con lo sportello aperto. Cerchiamo di non mettere in frigo avanzi ancora caldi, il frigo dovrebbe lavorare di più per raffreddare e si formerebbe della brina sulle pareti del nostro elettrodomestico.
Io sto pensando di acquistare un bel frigorifero americano per la casa nuova..li adoro!! Ma con il prezzo che hanno dovrò fare poi molta attenzione alla manutenzione. E fare un po di ore di lavoro straordinario per pagarlo!

Come sfruttare al meglio il nostro guardaroba

IMG_20141116_101119_edit_edit.jpgTutte noi abbiamo armadi colmi di vestiti ma abbiamo sempre la sensazione di non avere nulla da mettere. Alla fine ci mettiamo sempre le solite due cose e non sfruttiamo mai la potenzialità del nostro guardaroba.

Per risolvere il problema del non so cosa mettermi oggi io ho deciso di organizzare il guardaroba dell’intera settimana la domenica pomeriggio, in modo da dedicarci una mezz’oretta una sola volta alla settimana e non dover perdere 20 minuti ogni mattina per decidere, ancora mezza addormentata, come vestirmi!
A questo scopo mi sono procurata uno stand appendiabiti da Ikea dove la domenica preparo gli outfit per la settimana entrante. La sera, appena arrivo a casa, divido subito i vestiti da lavare da quelli che possono essere riutilizzati. In questo modo mantengo sempre in ordine la mia cabina armadio e risparmio tempo.

Il magico potere del riordino di Marie Kondo

heart-558528_1280Come vi avevo già detto ho acquistato a soli 4,99 euro su Amazon il fantastico ebook di Marie Kondo, Il magico potere del riordino. Questo non é il solito manuale per casalinghe disperate in cerca di consigli per riordinare casa. É molto di più! Racchiude in sé la capacità di mettere ordine nella nostra vita e nella nostra mente. Nella filosofia zen infatti riordinare é in realtà un rito che produce enormi vantaggi spirituali. Il suo metodo é basato su 65 regole da seguire in sequenza. Il suo motto, che sento che mi calza a pennello, é: se vuoi realizzarti nella vita, comincia col sistemare il tuo armadio!

Organizzazione: le mie giornate da 48 ore!

Il nostro problema è che le giornate hanno solo 24 ore! Ne avremmo bisogno almeno del doppio per fare tutto quello che dovremmo e vorremmo fare!
Come aggirare questo problema?
Per prima cosa ho analizzato la mia giornata: ho scritto su un foglio quanto tempo dedico a internet, su facebook, in auto nel traffico! In questo modo sono diventata consapevole di come uso il mio tempo e soprattutto di come lo spreco!
Il secondo passo è stato ottimizzare il tempo. Ho stabilito quali sono i miei obiettivi a lungo, medio e breve termine. Vi consiglio di scriverli su dei post-it e di appiccicarli in bella vista. Io li ho attaccati sul l’armadio. In questo modo ogni giorno sono obbligata a focalizzarsi sui miei obiettivi!
Altro consiglio che danno su molti siti e blog è quello di sbarazzarsi di ciò che non serve. Abbiamo troppo spesso la mente occupata nel tentativo di ricordarci tutto quello che dobbiamo fare. In questo modo la nostra testa è appesantita e funziona a rallentatore. Appuntarsi ciò che non bisogna dimenticarsi equivale a premere il tasto reset della nostra mente in modo che possa davvero concentrarsi su quello che stiamo facendo.

Organizzazione: un look perfetto con l’aiuto di Carla Gozzi

Come già detto in un altro post adoro organizzare il mio armadio in modo tale da avere sempre pronti gli abiti da mettere per ogni occasione.
Ma se fino a qualche mese fa mi limitavo a preparare gli outfit per la settimana in corso, ora anche grazie alla rubrica di Carla Gozzi, mi sto evolvendo ulteriormente sotto questo punto di vista!
Ci ho impiegato tre giorni ma alla fine dopo aver svuotato l’armadio, studiato gli abbinamenti di colore, tessuto e diverse occasioni per indossare i miei abiti ho creato il mio guardaroba perfetto dove posso trovare tantissime combinazioni di abiti.
Ora mi resta solo da riorganizzazione la cassettiera della biancheria intima e la scatola degli accessori!

Organizzazione: routine di bellezza

Non abbiamo mai abbastanza tempo per occuparci di noi e della nostra bellezza. Ci sono però dei trucchi per non trascurarci troppo ed essere sempre al meglio dedicandovi solo pochi minuti. Ecco i miei:
1.Il taglio perfetto: rivolgiamoci al nostro parrucchiere e chiediamogli di farci un taglio corto. Sarà molto più semplice tenerli in ordine, saranno più veloci da lavare e in casi di estrema necessità potremmo sempre utilizzare uno shampoo secco.
2. Pediluvio: è sufficiente tenere a mollo i piedi per 10 minuti in acqua e sale, una veloce passata di pietra pomice sui talloni ed i nostri piedi saranno lisci e più leggeri. Con un bastoncino di arancio elimineremo le cuticole. Massaggiamoli poi con dell’olio. In un quarto d’ora saranno perfetti.
3. Pelle perfetta: realizziamo un’ottima maschera nutriente mischiando un cucchiaio di miele con uno di yogurt. Lasciamo in posa per 10 minuti.
4. Idratarsi sotto la doccia: se non avete tempo per mettervi la crema cospargiamoci di olio sotto la doccia. Un risciacquo veloce e poi asciughiamoci. La pelle rimarrá morbidissima.
5. Capelli soffici: un’ottima maschera fatta in casa si può ottenere mescolando dello yogurt con un po di olio di cocco. Lasciamo in posa per 20 minuti e poi risciacquiamo abbondantemente.

Organizzazione:gesti quotidiani per risparmiare tempo sulle pulizie

Risparmiare tempo per tenere in ordine e pulita la nostra casa significa avere più tempo libero per stare con la nostra famiglia, i nostri amici o per dedicarvi ai nostri molteplici hobby ed interessi.
La prima buona abitudine è quella di togliersi sempre le scarpe entrando in casa in modo da portare all’interno meno sporcizia possibile. Disponiamo una bella scarpiera  vicino all’ingresso in modo da poterci mettere subito le ciabatte.
Teniamo sempre un asciugamano vicino alla doccia in modo da poter asciugare le pareti di cristallo prima che si trasformino in calcare ostinato da rimuovere. Possiamo fare lo stesso con gli altri sanitari e la rubinetteria.
Riponiamo sempre al proprio posto gli oggetti che utilizziamo. Mettere in ordine un po’ tutti i giorni significa evitare di trascorrere un intero fine settimana a sistemare tutto il caos che si è accumulato.
Come giá consigliato non accumuliamo le stoviglie sporche nel lavandino, liberiamolo subito!
Altra operazione che ci porta via molto tempo è rifare il letto. Per velocizzare l’operazione diciamo addio a lenzuola, coperte, copriletto, ecc. Limitiamoci ad un bel piumone e un bel lenzuolo con gli angoli sul materasso. Ci impiegheremo un minuto per rifarlo!
Rinnovo un consiglio che già ci ho dato: rimettiamo subito in ordine i vestiti che ci togliamo, non facciamolo accumulare sul letto o su una sedia. A quel punto, quando ci decideremo a metterli a posto saranno tutti stropicciato e li metteremo da lavare.
Ultimo consiglio di oggi è quello di stendere bene i panni in modo da risparmiare tempo quando li dovremo stirare!

Organizzazione: cucinare senza sporcare

Io amo cucinare. Preparare cibi buoni e sani per le persone che amo mi fa sentire bene e mi da grande soddisfazione. Odio però riordinare e pulire dopo aver cucinato.
Ci sono però dei modi per sporcare il meno possibile mentre si sta ai fornelli.
Accessorio utilissimo è il paraschizzi, da usare al posto del coperchio quando dobbiamo far fuori uscire il vapore ma riparare dagli schizzi di condimento.
Impariamo poi ad utilizzare pentole delle dimensioni adatte: tegami troppo piccoli fanno aumentare gli schizzi e la fuori uscita dell’acqua di cottura, usiamo sempre i coperchi ma quando li solleviamo prestiamo attenzione a non sgocciolare e se li dobbiamo appoggiare sul piano della cucina appoggiamoli dal lato pulito, cioè quello esterno.
Indispensabile è utilizzare un piatto come poggiamestoli per riporre i cucchiai e gli utensili sporchi che stiamo utilizzando. Possiamo anche coprire il piano della cucina con un panno o uno strofinaccio in modo da poterci appoggiare pentole e stoviglie sporche.
Trovo poi che sia meglio lavare tutto ciò che sporchiamo quando finiamo di utilizzarlo in modo che nel lavandino non si accumulino troppe stoviglie sporche.
Il momento in cui io sporco di più è in genere quando lavo la verdura e la pulisci. Nel tentativo di buttare subito gli scarti sgoccioli sul pavimento, poi ci passo sopra con i piedi e il pasticcio è fatto. Mi ritrovo a dover pulire il pavimento! Il trucco per evitare questo e quello di tenere un contenitore o un piatto accanto al lavello dove accumulare gli scarti e buttarli tutti insieme, dopo essersi asciugati le mani e aver scolato l’acqua in eccesso.
Un metodo di cottura che ci aiuta a sporcare meno è quello al cartoccio. Ma anche quando cuciniamo al forno usiamo abbondante carta forno per evitare incrostazioni tenaci da rimuovere.
Aspetto altri suggerimenti!